18.02.2019

Next Group celebra i successi di JTI Italia con una tre giorni ‘da Guinness’

Ritmo ed energia hanno contraddistinto la tre giorni organizzata a Roma da Next Group per JTI Italia. Il tradizionale appuntamento tra management e forza vendita ha però assunto quest’anno una rilevanza speciale. L’evento è stato infatti l’occasione per presentare ufficialmente il nuovo presidente e amministratore delegato, Gianluigi Cervesato, nominato a conclusione di un anno particolarmente felice e soddisfacente in termini di business.

Per la realizzazione di questo grande evento Next Group ha schierato in campo The Next Event e The Next World, le due business unit specializzate rispettivamente nella comunicazione e nell’organizzazione logistica, che hanno collaborato strettamente sin dalla fase di progettazione tanto sugli aspetti creativi quanto su quelli legati alla produzione. Il risultato è stato un evento complesso, che ha unito in un’unica memorabile esperienza elementi incentive ed entertainment. «Sviluppato intorno al concept “Da vincenti a vincitori”, l’evento ha tradotto l’ambizione del cliente di arrivare a essere i numeri uno puntando su tre parole chiave: cuore, cervello e coraggio», ha spiegato Gianluca Prina, Client Director The Next Event.

Un ricco programma, articolato in attività di team building e momenti istituzionali, ha portato i 300 ospiti in luoghi iconici nella capitale. Questa ha fornito il setting ideale per un evento dal forte carattere motivazionale, che ha consentito ai partecipanti di vivere la città in tutte le sue sfaccettature e di conoscerne gli aspetti più glamour. «Fondamentale in questo senso – e anche per la vittoria della gara – è stata la scelta delle location: sontuose come l’hotel Rome Cavalieri Waldorf Astoria e la storica Villa Miani, iconiche come gli studi di Cinecittà o challenging come lo Stadio Olimpico» ha raccontato Francesca Urpis, Account Director The Next World.

Ottenuto in esclusiva per JTI, lo Stadio Olimpico è stato infatti la location dove i partecipanti sono giunti a sorpresa il primo giorno per un coinvolgente format di team building a carattere sportivo. Tre aree, ciascuna identificata da una delle keyword, dove i team hanno potuto dimostrare il loro coraggio, di avere cuore e di saper usare il cervello. Performance musicali e artistiche hanno caratterizzato invece una serata di pura convivialità e divertimento presso Villa Miani che domina dall’alto tutta la città.

Il giorno successivo, gli ospiti hanno varcato la soglia di Cinecittà per prendere posto nel Teatro 10. Tra due ali di sedute, su una passerella centrale, si sono susseguiti in 3 ore 37 relatori, moderati da Diletta Leotta e Federico Russo. «Un numero da Guinness, reso possibile da un ritmo sostenuto, da un format molto televisivo e dal grande lavoro svolto tra agenzia e cliente per la realizzazione di video e interventi», ha raccontato Federico Ronco, Creative Director The Next Event. «Le riprese delle ‘power activity’ del giorno precedente realizzate da una troupe video e le interviste raccolte da Russo sono diventate pillole che hanno intermezzato la narrazione dei relatori. A rendere ulteriormente frizzante e piacevole l’incontro è stata l’idea di posizionare a un estremo della pedana una band che ha eseguito musica live, punteggiando la convention con jingle, stacchetti o anche semplici accordi per sottolineare passaggi rilevanti degli speech». Al termine della convention il set dell’Antica Roma degli Studios è stato teatro di un toga party con live band e DJ set fino a tarda notte. La mattina successiva, un brunch meeting che ha visto premiati i migliori venditori ha concluso la tre giorni.

«In fase di gara è stato altrettanto premiante aver puntato sul ritmo e sul ribaltamento temporale delle attività. Il team building, che secondo copione avrebbe dovuto seguire la convention, è stato anticipato al primo giorno, in modo che potesse diventare esso stesso un contenuto originale della convention e fonte di energia per il pubblico», ha aggiunto Ronco. «Gestire così tante location a ritmi serrati è stata una delle maggiori complessità dell’evento. Una sfida vinta grazie al metodo di lavoro di The Next World e The Next Event, che hanno lavorato in perfetta sinergia, come un’unica macchina perfettamente oliata, nella totale integrazione delle varie professionalità coinvolte», ha concluso Valentina Ferrari, Account Director The Next World.